Alle 9 ore italiana (la mezzanotte in California) Ŕ stato assassinato nel carcere di San Quintino Stanley “Tookie” Williams. Le agenzie ci informano che la sua agonia, dopo l’iniezione letale, Ŕ durata quindici minuti.
La sua storia Ŕ nota. E’ stato candidato pi¨ volte a Nobel per la pace, per la sua iniziativa contro le gangs giovanili e la criminalitÓ. A nulla sono valsi gli appelli da tutto il mondo, fra i quali quello di oltre cento parlamentari che ho promosso insieme a “Nessuno tocchi Caino”.

PENA MORTE: FOLENA, ESECUZIONE WILLIAMS ATTO BARBARO

(ANSA) – ROMA, 13 DIC – ”L’esecuzione di Stanley Tookie
Williams e’ un atto barbaro, come tutte le condanne a morte. Ma
questo caso specifico e’ ancora piu’ grave, poiche’ Williams
aveva dimostrato in questi anni di aver rinnegato la sua vita da
criminale e anzi si era fatto paladino della lotta contro il
disagio sociale che porta i ragazzi ad entrare nelle gang di
strada”: lo afferma Pietro Folena, indipendente del Prc,
secondo il quale ”ancora una volta la pena di morte dimostra la
sua lontananza dalla civilta’ giuridica. Non si tiene conto
neppure dell’avvenuta ‘rieducazione’ del criminale. E’ solo
violenza senza giustizia”.
”Ringrazio gli oltre 100 parlamentari – prosegue Folena –
che hanno voluto firmare la petizione di ‘Nessuno tocchi Caino’.
Spero che il governo italiano si faccia promotore di una viva
protesta presso gli Stati Uniti per una vicenda che ha colpito
molti nostri concittadini che hanno firmato in massa l’appello
per la salvezza di Williams”. Nei giorni scorsi Folena si era
fatto promotore di una raccolta di firme tra i parlamentari a
favore della sospensione dell’esecuzione di Williams.
(ANSA).

Commenti chiusi.