Archivio per 25 ottobre 2014

Una manifestazione imponente, positiva, serena. Non ho sentito, attraversando i fiumi che con fatica andavano e venivano da San Giovanni, odio o disprezzo nei confronti di Matteoi Renzi. Ho sentito rabbia e dignitÓ. E’ stata la forza della dignitÓ -delle persone, dei lavoratori, dell’Italia che lavora e produce-, e la rabbia per come nella crisi di questi anni la dignitÓ Ŕ stata calpestata, la molla che ha spinto un immenso popolo a invadere Roma. Come Ŕ stato ricordato, nel 1994 e nel 2002 il popolo della CGIL in piazza contrastava le scelte di Silvio Berlusconi, e in quelle piazze c’era il fattore B. Oggi invece il popolo progressista, dei lavori, con migliaia e migliaia di quei precari e finte partite IVA a favore delle quali sarebbe stato fatto il colpo di mano sull’articolo 18, e che invece erano per le vie della Capitale, non era mosso da un fattore R, contro Renzi. Era mosso dalla consapevolezza, che in veritÓ fino a poco fa era di tutto il Partito democratico, che cancellando l’articolo 18 si indebolisce la forza collettiva del lavoro, la sua capacitÓ, nella societÓ fluida, di pesare, contrattare, affermare il proprio punto di vista, a partire proprio dal lavoro pi¨ debole e meno tutelato. (continua…)

Comments Commenti disabilitati