Archivio per febbraio 2014

A noi figiciotti “eretici”, Gianni Borgna, da segretario della Fgci romana e poi come responsabile culturale della Fgci nazionale, ci aiut˛ a cercare nella cultura e nella societÓ i percorsi non ortodossi. L’amore per Pier Paolo Pasolini e per la sua lezione, Ŕ stato un seme che ha piantato Gianni, e che dieci anni dopo il suo assassinio port˛ la Fgci che dirigevo a fare della pasoliniana “disperata passione di essere al mondo”, col sostegno attivo di Borgna, il manifesto di una ricerca collettiva e esistenziale. La cifra della sua vita e del suo percorso politico, intellettuale e umano Ŕ stata sempre quella della ricerca, anche controcorrente: in un’epoca e di fronte a un Potere in cui si manifestano prepotenza e superficialitÓ, la “gentilezza” di Gianni Borgna Ŕ una lezione su cui tutti quelli che lo piangono dovrebbero meditare. E del resto -se si pu˛ ragionare su un “dare/avere”- Borgna Ŕ uno di quei rari dirigenti della sinistra che al suo partitoá ha dato molto (oltrechÚ e prima ancora alla sua cittÓ), e che, forse proprio perchÚ cosý diverso dal tempo che stava arrivando, non ha avuto tutto quello che avrebbe meritato.

Comments Commenti disabilitati