Archivio per 4 luglio 2011

Da Sardegnaquotidiano di oggi

Malissimo farebbero i nemici di Angelino Alfano ľ gli avversari politici e i numerosi avversari interni ľ a sottovalutare questo giovane agrigentino, cresciuto sotto la protezione del Presidente del Senato, Renato Schifani. La sufficienza con cui Alfano era stato etichettato come un servo sciocco di Silvio Berlusconi, solo perchÚ appena designato era accorso a consultarsi ad Arcore Ŕ segno di uno snobismo strabico, tanto a sinistra quanto a destra. Certo: ci sarebbe stato da stupirsi davvero delle condizioni di luciditÓ del premier se il delfino designato lo avesse scaricato. Solo un analista poco lucido poteva immaginare scenari di questo tipo. E invece, nel discorso di investitura, lo scorso primo luglio, e in quello che trapela delle sue effettive intenzioni, il Guardasigilli, senza peli sulla lingua, ha apertamente dichiarato guerra al ceto politico dominante nel Pdl. Con evidenza agli ex-An, ma non con meno durezza nei confronti della casta dell’ex-Forza Italia che si Ŕ insediata all’ombra di Berlusconi in questi quasi vent’anni. La difesa del premier, perseguitato dai magistrati, e la distinzione con chi non Ŕ stato onesto non pu˛ essere solo una dichiarazione di facciata. Il bluff si scoprirebbe subito. Alfano ha avuto da Berlusconi un mandato chiaro per fare pulizia nel partito, per rompere il sistema correntizio e notabilare, per mettere rimedio -vedi il clamoroso caso della Campania, dove Ŕ stata letteralmente gettata al vento dal Pdl la vittoria annunciata a Napoli- alle guerre intestine e fratricide tra i potenti ras locali. C’Ŕ un’analogia con l’ultimo Psi di Bettino Craxi, quando l’allora segretario denunci˛ quanto sotto la sua ombra si fossero creati potentati che bloccavano e corrodevano il partito. Ma allora Craxi non riuscý ad intervenire, rimase solo, e quando fu colpito dalle inchieste il suo partito si sgretol˛ rapidamente. Ora Berlusconi ha imposto Alfano, con l’obiettivo di cambiare radicalmente il partito, che il premier sente come una zavorra destinata a farlo cadere. (continua…)

Comments Commenti disabilitati