Archivio per 16 luglio 2006

(da La Repubblica del 16 luglio)
di Adonis
Libanese, di origine siriana, Adonis Ŕ il massimo poeta arabo contemporaneo.

Quel che accade in queste ore in Palestina e in Libano, non Ŕ che l’esplosione di una condizione che si perpetua da oltre mezzo secolo. E’ piuttosto una tragica variante dell’omicidio dell’essere umano.

Ebrei, Cristiani, e Musulmani stanno riscrivendo la storia delle loro origini, con lo stesso sangue: quello di Abele.

In quanto tale, questa storia non Ŕ, soltanto, palestinese, Ŕ universale.

La rivelazione monoteista “annunciata” per liberare e venerare l’uomo, ecco che oggi “Ŕ rivelata” per disumanizzarlo, asservirlo e umiliarlo.

No, non Ŕ Dio ad essere morto come diceva Nietsche, ma Ŕ l’uomo stesso a morire, al di lÓ dell’immensa e catastrofica distruzione materiale.

L’uomo muore, perchÚ anche Dio muore, in questa regione dei profeti del mondo. Non resta nulla, solo “La Macchina”.

Cosa vuole questa “Macchina”?

E voi profeti monoteisti, “fratelli”, dove siete?

Allora dir˛: benvenuta Desolazione, Apocalisse!

Comments Commenti disabilitati