Archivio per 3 aprile 2005

Giovanni Paolo II in visita al Parlamento E’ difficile dire qualcosa che non sia giÓ stata detta su Giovanni Paolo II. Ci˛ che mi rimarrÓ pi¨ impresso del suo pontificato Ŕ sicuramente la sua battaglia per la Pace. In occasione di ogni conflitto armato la sua voce si Ŕ alzata per ammonire sui pericoli della guerra, sulle sofferenze che essa crea e sul fatto che non risolve alcun problema. Definý la guerra un’ “avventura senza ritorno”. Grid˛ chiedendo che le armi tacessero. Nell’ultima guerra, quella ancora in corso in Iraq, ha svolto un ruolo fondamentale per evitare che si trasformasse in una guerra di civiltÓ e di religioni. Spieg˛ che l’Islam non Ŕ il terrorismo, delegittimando coloro che volevano disegnare quel conflitto come una nuova crociata.
Credo che sia stato il regalo pi¨ importante che il Papa ha fatto all’umanitÓ.
Ricordo anche quando venne in parlamento, chiedendo un gesto di clemenza per i carcerati. Purtroppo la politica non ha avuto la forza di accontentarlo. Questo rimane un grande rammarico. Speriamo che ora che non c’Ŕ pi¨, in sua memoria, si possa fare quanto non Ŕ stato fatto mentre era in vita.

Comments 19 Commenti »